Come stanno i ghiacciai alpini?

A chi crede ciecamente al riscaldamento globale di origine esclusivamente antropica, cioè causato dall’uomo, piace usare lo scioglimento dei ghiacciai come prova evidente della correttezza delle loro dichiarazioni. In effetti, è noto che i ghiacciai delle Alpi, ad esempio austriache, si stanno ritirando da decenni. Tuttavia questa ritirata è un fatto insolito? Oppure, esiste un legame tra la ritirata dei ghiacciai e le emissioni di CO2 nell’uomo?

Glasshouse ha lo ha chiesto al professore universitario Dr. Gernot Patzelt dell’Istituto per la ricerca in alta montagna dell’Università di Innsbruck. Come membro della Commissione per la ricerca quaternaria dell’Accademia austriaca delle scienze, è stato coinvolto nella ricerca sui ghiacciai e sulla storia del clima per oltre 40 anni. Il Prof. Patzelt ha anche pubblicato un gran numero di testi scientifici su questo argomento. Le sue affermazioni centrali: l’attuale sviluppo del ghiacciaio e del clima non mostra condizioni che non si siano ripetute già più volte in passato, anche per lunghi periodi e senza l’influenza umana. L’attuale declino dei ghiacciai alpini semplicemente non è la conferma dell’ipotesi del cambiamento climatico antropogenico.

Glasshouse: da quanto tempo i ghiacciai delle Alpi austriache sono in ritirata?

Gernot Patzelt: l’ultimo periodo di avanzamento generale dei ghiacciai alpini è terminato intorno al 1855 d.C. Da allora, i ghiacciai austriaci hanno perso più della metà della loro superficie e circa il 60% del loro volume. Tuttavia, questo restringimento del ghiacciaio non è stato continuo. Piuttosto, fu interrotto da periodi di significativo recupero. Tra il 1890 e il 1927 e tra il 1965 e il 1980 sono cresciuti circa il 75% dei ghiacciai. Il periodo degli anni ’70 è rilevante anche a causa di una contemporanea diminuzione della temperatura estiva di circa 1 ° C. E’ bene ricordare che durante questo periodo, il contenuto di CO2 nell’aria ha continuato ad aumentare indifferente al calo della temperatura.

Glasshouse: questo processo è insolito?

Gernot Patzelt: periodi di contrazione dei ghiacciai di questo tipo si sono verificati più volte in passato e per fino in misura molto maggiore. La ricostruzione dello sviluppo del ghiacciaio consente di affermare che i ghiacciai erano più piccoli in circa il 65% del tempo trascorso negli ultimi 10.000 anni e che le temperature estive erano quindi più alte rispetto ad oggi.

Glasshouse:  possiamo parlare di un ritiro particolarmente rapido dei ghiacciai questa volta?

Gernot Patzelt: No! La velocità dell’attuale declino dei ghiacciai rientra nei termini che possono anche essere ricostruiti per il passato.

Glasshouse:  il ghiaccio in ritirata ha esposto in alcuni casi degli alberi, i quali sono stati conservati, quindi, per migliaia di anni. Qual è la condizione degli alberi che hai trovato?

Gernot Patzelt: a causa del ritiro del ghiacciaio, le aree originariamente ricoperte di foreste sono ora prive di ghiaccio. Di queste, gli alberi incorporati nel materiale morenico sono talvolta in condizioni sorprendentemente buone, in modo che gli anelli di vita e il tempo di copertura dei ghiacciai possano spesso essere determinati con una precisione annuale. Alcuni alberi sono così ben conservati che hanno ancora il tipico odore di resina, come il pino cembro.


Fig. 3. I ghiacciai che si sciolgono rilasciano i resti di alberi che crescevano ad alta quota ben al di sopra dell’attuale limite di crescita degli alberi, denotando una temperatura del periodo vegetativo all’epoca maggiore di circa 0,7 a 1 ° C.

“L’aumento della temperatura negli ultimi decenni rientra nell’intervallo di fluttuazione post-glaciale”.

Glasshouse:  di quale epoca sono questi alberi?

Gernot Patzelt: un gran numero di reperti in legno provenienti da alberi di alta quota rinvenuti nelle zone periferiche del ghiacciaio risalgono al periodo compreso tra l’8000 a.C. e il 300 d.C. Tuttavia, questi periodi di sviluppo forestale in quota sono stati interrotti più volte dai periodi di avanzamento del ghiacciaio. Con l’aumentare della densità di informazioni, le condizioni climatiche degli ultimi 10.000 anni possono essere ricostruite dalla crescita degli alberi e dal comportamento dei ghiacciai.

Immagine 1: temperatura estiva, linea di foresta / albero, periodi di ritiro dei ghiacciai nelle Alpi occidentali, espansione dei ghiacciai nelle Alpi orientali, G. Patzelt.

Glasshouse: cosa ci dicono questi reperti?

Gernot Patzelt: Questi risultati e l’andamento del clima nel lungo periodo mostrano chiaramente che l’attuale livello di temperatura rientra ampiamente nell’intervallo di fluttuazione naturale e che, quindi, non è influenzata dall’attività umana.

Glasshouse:  risultano periodi in cui le Alpi erano liberi dai ghiacci?

Gernot Patzelt: Non ci sono risultati specifici del terreno nell’area del ghiacciaio su questa domanda. Dai resti di alberi ad altitudini elevate nelle paludi al di fuori dei ghiacciai, si può dedurre che la formazione e il mantenimento dei ghiacciai a un’altitudine di oltre 3.500 m avrebbero dovuto essere possibili anche nelle pronunciate fasi calde dell’era post-glaciale. Le montagne alte 4.000 m delle Alpi occidentali non hanno certamente perso completamente la loro neve e la copertura del ghiaccio.

Glasshouse: quanto sono durati in genere questi periodi caldi?

Gernot Patzelt: Nella più antica era post-glaciale, c’erano, secondo le attuali conoscenze, diversi periodi con temperature più elevate di oggi, che durarono fino a 1.000 anni consecutivi. I periodi freddi sono stati prevalenti negli ultimi 3.500 anni.

Glasshouse:  in alcuni luoghi, le persone stanno cercando di riforestare aree ad altitudini più elevate nelle Alpi. A che quota si può arrivare?

Gernot Patzelt: la riforestazione ad alta quota è una misura importante per limitare i pericoli naturali come valanghe e frane. L’attuale sviluppo verso periodi di vegetazione più lunghi e temperature estive più elevate favorisce queste misure. La riforestazione ha avuto successo nelle ex aree di schiarimento fino all’attuale linea degli alberi. Tuttavia, finora il rimboschimento non ha avuto successo all’altitudine superiore all’attuale limite degli alberi, cioè da 100 a 150 m più in alto. Per fare ciò, la temperatura nella stagione di crescita dovrebbe aumentare ulteriormente di circa 0,7 a 1 ° C . Questo, tra l’altro, non sarebbe nemmeno uno svantaggio per i crescenti insediamenti nelle valli montane.

Glasshouse: qual è la connessione tra lo scioglimento dei ghiacciai e lo sviluppo della concentrazione di CO2 nell’atmosfera terrestre?

Gernot Patzelt: L’aumento di CO2 ha solo avuto un andamento parallelo all’aumento della temperatura e il declino dei ghiacciai negli ultimi 30 anni. Come accennato, l’esatto opposto è accaduto 30 anni prima. Non esiste una chiara connessione tra aumento di CO2 nell’atmosfera e il comportamento dei ghiacciai. L’attuale declino dei ghiacciai alpini non si adatta come conferma dell’ipotesi del cambiamento climatico di causa antropica.

Glasshouse:  come si stanno comportando i ghiacciai in altre regioni della Terra?

Gernot Patzelt: Secondo le mie informazioni, le masse di ghiaccio e quindi l’area coperta di ghiaccio in tutto il mondo stanno attualmente diminuendo nella maggior parte dei ghiacciai di montagna. Ciò è dovuto principalmente alle temperature più elevate ed al periodo di fusione più lungo nel semestre estivo. Ma ci sono anche notevoli eccezioni: sui fianchi delle montagne molto ricche di precipitazioni, rivolte a ovest in Scandinavia e Nuova Zelanda, i grandi ghiacciai hanno recentemente ricoperto in modo impressionante alcuni terreni incolti. Notizie accurate di ghiacciai in crescita provengono anche dal Canada. Ciò è probabilmente dovuto al regime fortemente prolungato delle precipitazioni in queste aree glaciali. Non so come sia attualmente questo sviluppo. Ma questo non fornisce un quadro uniforme per una perdita sistematica della superficie glaciale ad oggi. Anche questo non era prevedibile.

Glasshouse:  come si possono confrontare i risultati delle Alpi con le condizioni non alpine?

Gernot Patzelt: Finora nessuno ha confrontato i numerosi studi sullo sviluppo dei ghiacciai nelle montagne non alpine con una revisione critica per l’intero periodo post-glaciale. Sarebbe anche quasi impossibile per un ricercatore solitario. Per avere un’idea di se e come lo sviluppo della temperatura delle Alpi sia accaduto nelle regioni non alpine, sono stati confrontati i profili di temperatura delle analisi del nucleo di ghiaccio della Groenlandia settentrionale. Il profilo N-GRIP (Progetto core del ghiaccio della Groenlandia settentrionale) mostra che in circa il 75% degli ultimi 10.000 anni, le temperature sono state più calde rispetto alla media degli ultimi 50 anni. E anche in Groenlandia, la temperatura media degli ultimi decenni è stata ben all’interno dell’intervallo di fluttuazione a lungo termine. Il risultato delle Alpi sembra, pertanto, essere ben confermato.

Per gentile concessione del Glasshouse Center for Studies on a Free Economy;

Intervista con il Prof. Dr. Gernot Patzelt Wachtberg, 6 gennaio 2010 Glasshouse Interview 1/2010

Tratto da EIKE (Istituto europeo per il clima e l’energia )

Aggiornamento: Gernot Patzelt: “Ghiacciai, testimoni del clima dall’era glaciale ad oggi”. Una recensione del libro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.