La guerra di classe per il clima

I guerrieri ecologici affermano di preoccuparsi della disuguaglianza. Ma stanno attaccando i più poveri del mondo.

Il report sul clima redatto questa settimana è stato accolto con un prevedibile allarmismo. In esso si sostiene che il riscaldamento di 1,5 gradi Celsius in circa due decenni è ormai quasi una certezza. Il disastro, anzi la fine del Mondo, ci dicono i media, pioverà dal cielo. Ma al di là di questi scenari apocalittici, supportati da “The Science”, i climatisti verdi hanno anche una nuova parola d’ordine per convincere le persone ad agire: salviamo i poveri!

Negli ultimi anni, gli attivisti per il clima hanno cercato di inquadrare il cambiamento climatico, non solo come una questione ambientale, ma anche come una sorta di guerra di classe globale. Il cambiamento climatico solleva una questione fondamentale di giustizia, dicono. Questo perché mentre le emissioni di carbonio sono causate in gran parte dalle persone più ricche nei paesi più ricchi, gli oneri del cambiamento climatico – cioè, condizioni meteorologiche dirompenti e estreme – danneggeranno maggiormente le persone più povere nei paesi più poveri.

“L’uno per cento più ricco della popolazione mondiale è responsabile di più del doppio delle emissioni di carbonio del 50 per cento più povero”, afferma uno scrittore del New Statesman . Anche la scelta del governo conservatore per guidare la prossima conferenza sul clima COP26, Alok Sharma MP , ha fatto eco a questo sentimento, condividendo un video che afferma che “coloro che affrontano gli effetti peggiori del cambiamento climatico hanno fatto il minimo per causarlo”.

L’implicazione di tutto ciò è che le basse emissioni del Sud del mondo sono quasi degne di lode, un prodotto di modesta moderazione. Nel frattempo, l’Occidente inquinante ed emettitore di carbonio ha avidamente oltrepassato i suoi confini. Ma questo risolve completamente il problema nel modo sbagliato. È proprio perché il Nord del mondo è molto sviluppato che soffrirà meno dei cambiamenti climatici. Ed è proprio perché il Sud del mondo è sottosviluppato che è più esposto ai capricci del mondo naturale.

Qualche cosa però in questo nuovo culto apocalittico non quadra. Basta pensare che, ad esempio, solo una delle case del “Sacerdote del clima” Al Gore consuma 20 volte l’elettricità di una famiglia americana media. Gli stili di vita dei ricchi – le loro grandi case, le auto veloci e il jet-set – causano emissioni di carbonio molto maggiori di quelli dei poveri. Tuttavia, le case dei ricchi sono molto più resistenti alle condizioni meteorologiche estreme di quelle dei poveri.

La soluzione a questo non è frenare l’uso di energia dei ricchi – o di chiunque altro. Piuttosto, la soluzione è promuovere politiche che permettano alle persone più povere, ovunque si trovino nel mondo, di accrescere la loro ricchezza, o, per meglio dire in modo più realistico, di decrescere la loro povertà. Qualunque cosa accada al clima, resta il fatto che gli individui e le nazioni più ricche aumentano la loro capacità di affrontare il peggio che la natura inconsapevole può gettargli contro.

Basta considerare questo fatto sorprendente. Nel corso degli ultimi cento anni – il periodo in cui la maggior parte dell’umanità si è industrializzata – il rischio di essere ucciso da disastri legati al clima è crollato di oltre il 99 per cento . Inondazioni, tempeste, siccità, incendi e temperature estreme ci sono sempre stati, i media da decenni ne hanno sempre fatto uno spettacolo macabro, ma questi disastri sono diventati molto meno mortali e distruttivi di quanto lo sarebbero stati per i nostri antenati, che non avevano mai sentito parlare del cambiamento climatico.

La capacità di una nazione di gestire e mitigare questi problemi è direttamente legata al suo sviluppo economico. I paesi più ricchi possono permettersi infrastrutture di prim’ordine, edifici strutturalmente solidi, difese contro le inondazioni, dighe marine e sofisticati sistemi di allerta precoce che sono cruciali per mantenere la vita attiva indipendentemente dal tempo.

Eppure gli attivisti verdi vogliono l’esatto contrario di tutto questo. Sono espliciti nelle loro richieste di frenare la crescita e lo sviluppo economici . Nei paesi ricchi, le politiche ‘Net Zero’ promosse dagli ambientalisti renderanno più difficile per le famiglie normali riscaldare e raffreddare le proprie case e viaggiare per lavoro e svago. L’analisi del Tesoro britannico avverte che i costi di queste politiche saranno sostenuti in modo schiacciante dalla classe operaia.

Mentre nel mondo in via di sviluppo, abbandonare i combustibili fossili significa rallentare l’industrializzazione e radicare la povertà . Scalciare la scala, impedendo ai paesi più poveri del mondo di aspirare agli standard di vita occidentali, sarebbe indicibilmente crudele. E, ironia della sorte, renderebbe ancora più difficile per i paesi in via di sviluppo proteggersi dall’ambiente.

Quindi sì, c’è una guerra di classe sul clima, ma sono i guerrieri del clima che stanno attaccando i poveri del mondo.

Fraser Myers scrive su Spiked

Articolo tratto da Spiked tradotto da Fausto Cavalli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.